Pubblicato in: Cucina, Lifestyle, Lonza, Peperoni, Secondi Piatti, Secondo, Secondo di carne

Lonza golosa ai peperoni 

Presentazione

Siamo ormai nel periodo prenatalizio, fervono i preparativi, ovunque non si fa che parlare di regali, di menù, di ricette e addirittura di diete. Dico addirittura perché non si può essere a dieta durante il periodo natalizio, mi perdonerete… ma non si può!

Ho pensato per questo di deliziarvi con una ricetta fantastica che Amore mio ha pensato bene di fare in una fredda domenica di Novembre e che è adattissima a solleticare i palati di tutta la vostra famiglia in una delle maratone culinarie del periodo natalizio e non.

Ingredienti per 6 persone

  • 1 lonzino intero di circa 800 gr.
  • 1 fetta di mortadella alta 100 gr. circa
  • 1 scalogno
  • 2 peperoni – 1 rosso e 1 giallo
  • Vino Bianco q.b.
  • Latte q.b.
  • Pepe q.b.
  • Sale q.b.
  • Olio Evo q.b.

Preparazione

Lavate e mondate i peperoni, e tagliateli a pezzi di media grandezza.
Tagliate la mortadella a listelli grossi.
Mondate e affettate lo scalogno.
Prendete il lonzino, con un coltello affilato rimuovete il grasso e le nervature esterne, praticategli un foro al centro lungo la linea verticale e farcitelo con i listelli di mortadella dopo aver corretto di sale e pepe anche all’interno del foro, aiutandovi con un dito.
Prendete dello spago da cucina e legate il lonzino facendo girare lo spago attorno al lato lungo, e poi fissatelo. Arrotolate adesso lo spago girandolo intorno al lato corto e fissatelo nuovamente, continuate così per tutta la lunghezza del lonzino.
L’ operazione di legatura permette alla carne di conservare al suo interno i succhi e le sostanze nutritive, e la carne diventa più digeribile, il fatto che risulti più calorica, farò finta di non saperlo, e non ve ne farò menzione, per non rovinare la poesia del gusto che proverete mangiandola.
Prendete una pentola dai bordi alti, meglio se antiaderente o con fondo spesso, in modo che la carne non si attacchi al fondo durante la cottura, ungetela con olio evo, aggiungete lo scalogno, e adagiatevi il lonzino. Ricordatevi di girare spesso la carne.
Amalgamate a fuoco medio, facendo imbiondire lo scalogno dolcemente, cuocete con il coperchio fino a che la carne non avrà evaporato tutta la sua acqua, a quel punto irrorate con il vino bianco per fare insaporire bene.
Lasciate cucinare a fuoco lento lasciandovi inebriare dal profumo. ..
Quando il vino si sarà evaporato quasi completamente aggiungete i peperoni, aggiustate di sale e incoperchiate.
Lasciate appassire i peperoni dolcemente e aggiungete del latte fino a ricoprire il fondo di cottura e i peperoni, continuate a girare la carne e i peperoni fino a che il latte non si amalgama al punto di creare una golosissima salsa insieme ai peperoni.
A questo punto il profumo sarà qualcosa di indescrivibile!
E il vostro lonzino sarà pronto.
Tiratelo fuori, lasciate intiepidire, liberatelo dallo spago, affettatelo e sistemate le fette in una pirofila, ricopritele con i peperoni e con la salsa.
Il piatto è pronto! !
Ricetta eseguita con tanta passione e gentilmente fornita da Amore mio.

Pubblicato in: Introspezione, Lifestyle, psicologia, Riflessione

Quando scrivere è terapeutico

Decidere di scrivere è una delle scelte migliori che io abbia mai fatto, ma è anche una delle cose più complicate da fare.

Bisogna idealmente mettersi a nudo davanti ad uno specchio e tirare fuori tutto quello che hai dentro, di tuo, di personale, molto spesso di non detto, e qualche volta di irrisolto.      Sì, di “irrisolto”, questo è il motivo per cui in psicologia, molti terapeuti consigliano di tenere un diario per riuscire ad esprimere le emozioni più profonde, i sentimenti inespressi, le parole non dette, o quelle dette ma che nessuno ha ascoltato.

Questo “gomitolo”, che ciascuno di noi porta ben riposto dentro di sé, il più delle volte cresce, perché i silenzi continuano ad alimentarlo, e finisce prima o poi per crearci qualche problema: eccoci a combattere con attacchi di panico, crisi di ansia, o disturbi di vario genere che in modo molto semplicistico vengono attribuiti allo stress, nostro comune compagno di vita. La verità è che capire da dove scaturiscono questi disturbi, ci aiuta sicuramente a convivere con essi, ma anche a comprenderne le cause inespresse, e come fare a controllarli, andando all’origine del problema.

Non meno importante è l’aspetto di imparare a riflettere su noi stessi, sul nostro carattere, di fermarci per un attimo e pensare. Spesso corriamo presi dal nostro tran-tran quotidiano, la casa, il lavoro, i figli… e NOI possiamo aspettare. Ma il nostro corpo, a volte, ci impone uno stop! E’ importante imparare ad ascoltarci, ci vuole un attimo di relax, ritagliatevi dei momenti solo vostri, e date libero sfogo a tutto quello che viene fuori. Vedrete che vi sentirete più leggere, e avrete imparato qualcosa in più su voi stesse.

 

 

Pubblicato in: Introspezione, Riflessione

Altrove 

“Altrove”
“Dove?”

“Non so… ovunque, ma lontano da qui!!”

Quante volte abbiamo detto queste parole? A noi stessi, a chi ci era accanto.
Oppure non le abbiamo dette , per paura, o perché non potevamo, ma avremmo voluto farlo, tanto…

A volte altrove non è in un altro luogo, ma spesso in un’altra me stessa, essere qualcuno che non si è, che non si è mai stati, per necessità o per rigore.
Libera!! Si, libera di esprimere il proprio essere senza paure, senza giudizi, senza vergogna.
E’ come aprire una finestra e respirare per la prima volta, la brezza di mare pervade tutto il tuo essere, ti inebria, ti ubriaca.

Quando accade, sai che non sarà mai più come prima, non si torna indietro, il tuo spirito è libero, finalmente!
Spesso è un processo che accade dentro di noi, la libertà di cui parlo, quella più importante è della nostra mente, del nostro spirito, che non intralcia il nostro vivere, lo arricchisce, lo guida.

Tutto accade “durante”, nel mentre “tutto scorre”, il marito, i figli, la vita… e tu devi mantenere l’equilibrio,
” un equilibrio sopra la follia” (cit.).
Ma va tutto bene.
Il viaggio interiore ti permette degli spazi tuoi, privati, dove fai entrare qualcuno quando vuoi, se lo vuoi, o forse è tutto così perfetto da tenere egoisticamente tutto per te, per una volta.
Tornerai a rifugiarti lì ogni volta che lo vorrai, ogni volta che ne avrai bisogno, il tuo posto segreto dove riacquisti fiducia, serenità, voglia di essere.

E tutto apparentemente è normale.

Pubblicato in: Lifestyle

Non mi sono presentata …

Sono una donna, l’età non è galante chiederla tantomeno dirla.

Sono una di voi, con la vostra età, anche se diversa,  i vostri capelli, magari di un altro colore, gli abiti come i vostri ma di stile diverso, e sopratutto gli stessi sentimenti, le stesse aspirazioni, gli stessi desideri e le stesse perplessità.

Ci facciamo domande, su tutto, le nostre scelte sono esami infiniti, e quando arriviamo ad una decisione , continuiamo col chiederci se sarà quella giusta.

Ma siccome l’errore è dietro l’angolo proviamo a percorrere strade dritte senza girare mai, ma la vita ci porterà sempre e comunque a dover fare delle scelte che il più delle volte rimpiangeremo, o che spesso saranno la bandiera del nostro coraggio, vessillo dei nostri successi qualche volta.

Pubblicato in: Blog, Lifestyle

Scrivere….

Inizio con una domanda : “Perché un Blog? ”

Le risposte possono essere molteplici. Per dire qualcosa, per comunicare, per esserci, per.. non so perché. Forse per la voglia di scrivere, la mia irrefrenabile voglia di scrivere, di qualunque cosa, in ogni dove purché io possa lasciare qualcosa di me.

Un tempo sarebbe stato un diario, e a dire il vero quello c’è ancora, perché il fruscio della carta e il profumo dell’inchiostro hanno ancora il loro fascino, ma un Blog ha qualcosa di diabolico, è veloce è immediato, raggiunge milioni di persone in pochissimo tempo, e questo ha un lato oscuro che colpisce la nostra parte esibizionista che ama esporsi, e nel contempo ti permette di chiacchierare con delle amiche bevendo comodamente un caffè sul divano.

Quindi accomodatevi, il caffè è pronto, e questa è la mia vita!